Miele

Miele

15Set

 

Pochi  sanno che è  a un comasco illustre, Plinio il Vecchio, che si deve uno dei primi studi sul mondo delle api e sulla produzione del miele. Plinio il Vecchio, nato nel 23 d.C a Como, è stato uno scrittore latino e uno dei massimi autori dell’antichità.

In funzione delle differenti specie botaniche presenti sul territorio comasco,si distinguono le seguenti tipologie di “miele lariano”: acacia o robinia (diffusa nelle zone di pianurae collina), castagno (presente soprattutto sui monti del Triangolo Lariano, della Val d’Intelvi, del centro e alto Lario), tiglio, melata o bosco, mille fiori, di alta montagna, lampone, rododendro e ailanto. La presenza  così significativa di alveari in ottima salute, testimonia della qualità dell’ambiente del terittorio comasco  perché le api costituiscono un indicatore biologico importantissimo. È anche grazie al loro instancabile lavoro di impollinazione che il Lago di Como è così ricco di biodiversità

 

Per assaggiare i mieli tipici  dolci della tradizione comasca puoi prendere parte a tour gastrononomici organizzati sia a Como che sulle sponde del Lago , visite ad aziende agricole specializzate o addirittura cimentarti in alcuni passaggi della lavorazione grazie a laboratori sia per adulti che per bambini

Scopri i produttori che fanno parte della rete Slowlakecomo

About Author