Il Ramo Occidentale

Il Ramo Occidentale

14Set

slowlakecomo-4Il ramo occidentale del Lago di Como è caratterizzato da improvvise e spettacolari  insenature, dalla presenza di anse e golfi, ville seminascoste o, al contrario, imperiosamente torreggianti sull’acqua, villaggi pittoreschi che si adagiano sui crinali dei monti, torri, campanili e cascatelle: un paesaggio ed una prospettiva molto vari, in continuo mutamento. La magia di questi luoghi si coglie a pieno solo navigando con i battelli che partono da Como e attraccano nei principali centri sulle sponde del Lago. Approdando al meraviglioso imbarcadero di Cernobbio è visibile Villa Erba, ora centro congressi e polo fieristico. Poco più avanti si ammira Villa d’Este, ora Hotel di lusso, con uno splendido parco affacciato sul lago. Dopo i terrazzamenti di Villa Pizzo, lo sguardo si rivolge naturalmente alla elegante facciata di Villa Le Fontanelle.

Siamo ora nel territorio di Moltrasio, uno dei borghi più belli della zona. Questo caratteristico paese adagiato sulle rive del lago, era famoso in passato per le cave di pietra calcarea dal colore grigio scuro con la quale vennero costruite moltissime chiese della zona. Spettacolare  è la posizione della settecentesca Villa Passalacqua e particolarmente elegante la facciata di villa Erker.

Il borgo successivo, Carate Urio, è  caratterizzato dalla bella chiesa dei Santi Quirico e Giulitta, che quasi lambisce le acque del lago, e dalla imponente mole del “castello”, una bella villa di fine ‘600, costruita probabilmente sui resti di una antica fortificazione.

Segue il paese di Laglio, con eleganti ville, e poi Brienno, con le sue due chiese di origine romanica. Questo piccolo paese ancora conserva il fascino di un antico borgo di pescatori. Si giunge poi a Argegno, con il suo caratteristico ponte  è la porta di ingresso alla scenografica Val d’Intelvi. Una splendida vista si gode utilizzando la funivia che collega Argegno a Pigra, piccolo comune situato a circa 900 metri di altitudine.

Poco oltre c’è l’Isola Comacina, l’unica del lago. L’Isola Comacina, lunga poco più di 600 metri, conserva i resti del suo illustre passato. Di fronte all’isola è un susseguirsi di borghi di pescatori dalle case dipinte a colori tenui e romantici porticcioli. A Ossuccio, in particolare, oltre a chiese romaniche di indubbio valore, si trova il Sacro Monte della Madonna del Soccorso, parte del patrimonio UNESCO. Quest’area incantevole culmina a Lenno, nel suo splendido Golfo di Venere. A poca distanza si trova una delle ville più scenografiche e famose del lago, la Villa del Balbianello.

Sulla sponda opposta, a breve distanza da Como, si raggiunge il paese di Blevio, ricco di ville ottocentesche, quali la Cademartori, Villa Pasta, e la Roccabruna. Dopo poco si trova  il piccolo borgo di Torno. Oltre alla famosa piazzetta a lago, offre monumenti di grande interesse come la chiesa romanica di San Giovanni, la quale si adorna di un bel portale rinascimentale e all’interno conserva, oltre ad interessanti resti di antichi affreschi, la reliquia del Santo Chiodo. Il paese ospita anche la misteriosa Villa Pliniana. Il nome della villa è dovuto ad una particolare fonte intermittente, tuttora visibile, che suscitò l’interesse di Plinio. Oltrepassata la Villa Pliniana si giunge a Faggeto Lario, comune composto da diversi frazioni a lago (Riva di Faggeto) e montane: Molina, con un interessante campanile tardo romanico dell’ XI secolo e una suggestiva piazzetta al centro dell’impianto antico; Lemna, con una bella chiesa dedicata a S. Giorgio e punto di partenza per passeggiate verso il monte Bolettone; Palanzo, borgo posto  in posizione incantevole e frequentato da chi cerca tranquillità, bellezza  e splendidi panorami. Nel comune di Nesso, prima di raggiungere il paese, si incontra la frazione di Careno, dalla originale forma a triangolo con il vertice rivolto verso il lago; da segnalare è la Chiesa di S. Martino, del XII sec. Nesso è  famoso per il suo orrido, che, tra forre d’acqua e strapiombi, scarica le acque dell’impetuoso  torrente Nosè nel lago.

Questa è una sintesi dei luoghi e monumenti più noti. Per approfondire e cogliere l’anima profonda del territorio, sorprenderti scoprendone gli aspetti meno noti, viverla con tutti i tuoi sensi puoi prendere parte a uno dei nostri itinerari, eventi o corsi.

About Author